I miei mulini a vento

Non pensavo che sarei tornata quì.

Non pensavo che sarei tornata quì per questo.

 Vorrei vomitare la nausea che ho sulla pelle

lo stomaco avvinghiato com’è ad un attacco di panico dell’anima.

Vorrei poter urlare.

Vorrei che ogni mia lacrima riuscisse a lavare lo sporco annidiato nelle mie ferite.

Ma non ce la faccio.

Semplicemente avevo un orgoglio che non so più dove è andato a finire.

Mi sento affogare tra le lacrime e nel dolore più nero.

Solo tu avresti potuto farmi smettere di sanguinare ed invece,

ancora una volta affondi.

E’ così facile sostituirmi?

E’ così facile cancellarmi con una passata di spugna?

Tutte le tue bugie mi si sono cucite addosso

e ora non so più distinguere la verità dalla menzogna.

Mi sento umiliata e tradita.

Ma soprattutto mi sento una stupida.

Perchè non riesco a chiudere questa porta neppure ora,

dopo che mi hai fatto tutto questo male.

Non riesco a non avere più speranze.

Non so girare pagina e pensare che andrà tutto bene.

Che ce la farò da sola contro il mondo.

Mi sento la pezza da piedi di me stessa.

Annientata la persona forte che credevo di essere.

Nel bilico del dubbio tutte le certezze e i punti fermi che credevo di avere conquistato. 

Pensavo tu fossi la mia stessa anima.

Pensavo che mai mi avresti potuto fare del male.

Non mi hai chiesto scusa nè domandato un’altra occasione per noi due.

E io lotto contro i mulini a vento da sola…

per qualcosa che non so più se voglio.

 

I miei mulini a ventoultima modifica: 2009-09-16T19:14:00+02:00da moonfairy@v
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento