LETTERA A UNA BAMBINA CHE DEVE NASCERE.

Piccola,piccola Cecilia.
Non so da dove partire,
ma ho bisogno di comunicare con te.
Deve essere dura stare otto mesi in uno spazio piccolo piccolo.
Sai,non me lo ricordo anche se ci sono stata anche io,24 anni fà.
Dicono che nascere sia così traumatico che la nostra mente lo cacci poi nell'"oblio dell'infanzia", proprio come accade per i primi anni della vita.
Cecilia…
inizialmente non volevo ti fosse messo questo nome.
così vecchio,obsoleto,lungo!
ma sai una cosa?
più ci penso più credo che sia il nome adatto a te.
Sai,era il nome di una persona forte,sempre sorridente anche nel dolore.
Il nome di una persona che mi ha cresciuto.
Una donna che purtroppo non potrai conoscere,amare,odiare quando sarai adolescente e riamare.
La nostra nonna.
Sono certa che lei stia vegliando su di te.
O meglio,
lo spero tanto.
Sai,per noi non è stato facile sapere che saresti arrivata.
Ma sei più forte di una pillola anticoncezionale e alla fine ce l'hai fatta ugualmente.
Alla faccia di chi dice che quattro figli possono bastare.
Per me non è stato semplice rivedermi come sorella…
io che credevo che il prossimo giro di boa sarei potuta diventare mamma.
Sono stata egoista,
qualche volta ho pensato che sarebbe stato meglio se tu non fossi mai esistita,
ho sempre pensato che sarà difficile.
Ho sempre pensato prima a noi nati e poi a te.
Sai,quando uscirai da lì ti dovrò dire un paio di cose…
per esempio sui nostri genitori.
Oltre ai loro difetti… il loro merito è di aver scelto di darti una possibilità.
So che a questo punto ti devo delle scuse…
è strano,prima di martedì io non riuscivo a credere nella tua esistenza,
io non la sentivo.
Ed è stato proprio quando ho avuto paura di perderti che ho desiderato con tutta me stessa che tu ce la facessi.
Sai piccola,
non ho mai capito se fare nascere un figlio è egoismo o altruismo.
Non ho capito ancora tante cose della vita e non so cosa ti risponderei se tu dovessi chiedermi
"ma ne vale la pena?"
forse ti direi di si, anche se non sempre è facile,
ne vale la pena.
Quindi ti prego,perdonami e nasci.
Devi essere forte.
Perchè io ti voglio conoscere e amare.
Così come sarai.
Io ti aspetto piccola,
se hai avuto qualche dubbio voglio solo dirti che puoi contare su di me.
Anche se è triste il pensiero che vivendo lontana non ti potrò vedere crescere ogni giorno io sarò presente più che posso nella tua vita.
Te lo prometto.

la tua sorellona,
Clelia

LETTERA A UNA BAMBINA CHE DEVE NASCERE.ultima modifica: 2007-02-08T19:32:25+01:00da moonfairy@v
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “LETTERA A UNA BAMBINA CHE DEVE NASCERE.

Lascia un commento