CASA


Dovrebbe essere il porto in cui sentirsi più protetti,amati,apprezzati.
Il nido in cui trovare sostegno incondizionato o quasi,
là dove le tue gioie e i tuoi dolori dovrebbero essere condivisi….
come su una grande barca.
Dove,più di ogni altra cosa,
dovrebbero essere presenti calore,comprensione,a ffetto e orgoglio.
Orgoglio che tu sia lì.
E intanto che lo pensavi le pareti della prigione si sono fatte più spesse e fredde e
il ghiaccio tagliente ha visto ancora il rosso delle gocce di sangue,delle lacrime.
Il tuo sangue,
Le tue lacrime.
La gabbia trasparente in cui non puoi dire di essere prigioniera in sfumature di profondo odio e profondo amore.
Hai voglia di vomitare,piangere,correre,urla re.
La chiave è appesa al suo collo,
basterebbe avere in coraggio di rompere il folle equilibrio con un grido pieno della rabbia accumulata in 23 anni.
Fare crollare l'impressione che sia tutto normale,sopportabile.
Non ne sei capace.
Non lo sarai mai forse.
Violenza quotidiana che ancora inghiotti.
Rompi il muro.
Rompilo.

CASAultima modifica: 2006-04-16T21:21:10+02:00da moonfairy@v
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento