SMUSSARE GLI ANGOLI

Continua a uscire…velonosa si insidia nelle vene strisciando e sibilando legittimi dubbi a cui però non voglio dar retta,ridendomi in faccia,torturandomi mentre continuo a guardare il pavimento. "C'è qualcosa che non va" sussurra ghignando. "Te lo avevo detto….ma tu no,ti sei voluta illudere ancora"aggiunge. "Quante persone così dovrai ancora incontrare per capire…non ti è bastato?ne vuoi ancora…vero?" mi volto dall'altra parte,ma la voce continua…in mille volti difficili da zittire ora che hanno un appiglio nelle mie lacrime,ora che possono aggiungere "te lo dico perchè mi fa incazzare vederti soffrire". Sanno di stare ferendo… "eh,già.Ti capisco cle,segui ancora le istruzioni per renderti infelice.Sei così brava in questo…" e poi prendendomi per un braccio sull'uscio di casa: "non farlo.Gli stai già correndo dietro,poi sarà sempre così". Cerco di non sentire,di non ascoltare. "cazzate.Sono solo un mare di scuse."scoppia a ridermi in faccia,di nuovo. E sebbene io sappia che questa voce,queste voci vengono da fuori non posso fare a meno di caderne vittima mentre in silenzio mi lascio attaccare a quel tavolo.Iniettano nel mio sangue la paura e io sento di essere in una trappola. Vogliono vedermi arrabbiata,vogliono che mi sfoghi.Ma non si accorgono dell'angoscia che sale svelta fino agli occhi. "non ne vale la pena"dicono. "non puoi esserne già così innamorata da farti mettere i piedi in testa" questa volta sembra che il sale delle lacrime abbia bruciato gli occhi ma ad ogni attacco trovo un modo per ribattere che io ti credo,perchè sento quello che senti tu,che sono innamorata di te…contemporaneamente però sale la rabbia per le spiegazioni taciute,per certe cose che hai detto,per certe cose che hai fatto. Sale impetuosa e forte,è la mia rabbia peggiore,la conosco sin dall'infanzia. Quando piangevo di rabbia e stringevo i pugni e invece che scappare lontana avrei voluto gridare e picchiare forte e il ricordo della risposta,quel suo "puoi piangere quanto vuoi,non mi interessa"rieccheggia in notti passate che hanno scavato ancora più a fondo quel buco nell'anima e che oggi sento ancora bersaglio. Così i muri intorno a me cominciano ad avvicinarsi pericolosamente negandomi ogni via di fuga.Strano,credo di poter dire che anche tu ora ti senti così. Gli errori e i dolori si ripetono ciclicamente e io non so come spezzare la catena. E intanto tutte queste parole mi rimbombano dentro,fanno eco…e ogni volta che cerco di dibattermi da questa morsa arriva il solito "lo stai difendendo,mandalo a quel paese.Guarda che puoi mandarlo a quel paese una volta…perchè,tu non ne vali la pena?perchè hai paura che non tornerà?chissenefrega se non tornerà " così urlo,se potessi scapperei da questa sedia perchè non sopporto più di dover difendermi,di doverci difendere e la voce dentro di me dice sempre più forte basta,non voglio parlarne,voglio andare via,voglio andare via,voglio andare via. Voglio credere a quello che dice….le voglio far tacere.Voglio solo dirgli "vedi,ti sbagliavi…vi sbagliavate".Ma non posso perchè ho ancora quei terribili muri e quell'incubo che ricomincia da dove lo avevo fermato.Quelle ferite appena rimarginate su cui ancora vengono inferti colpi. Stanca di attaccare,di sentirmi icatenata a terra,di aspettare che sia qualcuno…quel qualcuno a fare qualcosa.Perchè sentire che il mio umore dipende da qualcun'altro mi renderà folle. Odio sentirmi così disperata da dover tirare fuori tutte le unghie,da dover ferire per non soccombere.Odio l'attacco per difesa,e odio non riuscirti a spiegare che quando è così è perchè ho il cuore a pezzi,l'anima in subbuglio. Non mi voglio arrendere,lo sai.Cerco di smussare gli angoli,le lacrime agli occhi e quelle voci che bruscamente chiudo dietro una porta perchè,sarò forse tutto quello che dicono,starò sbagliando tutto anche con te ma io so cosa voglio.Te. Moon

SMUSSARE GLI ANGOLIultima modifica: 2005-12-10T14:16:11+01:00da moonfairy@v
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “SMUSSARE GLI ANGOLI

Lascia un commento