DUE PASSI


Oggi il cielo è plumbeo.Dannato cielo,dannata città.Ho dormito fino a tardi,era ora,cominciavo a credere di dovermi abituare alle occhiaie sul mio viso.
Ho fatto colazione praticamente all'ora di pranzo con i cure che cantavano "I'm in love".Pant.
Ho rivoltato la stanza da capo a piedi,ho fatto una doccia bollente…mi sono preparata come se aspettassi l'arrivo di qualcuno di importante,cosa che dubito succederà.Mi torna in mente l'aterna sposa cadavere.Non sopporto più queste quattro mura.Infilo il cappotto rosso,ho bisogno di fare due passi.
Comincio a progettare di andare in centro a piedi.Ho bisogno di perdermi in qualcosa di frivolo,in questo mese so che verrò attratta come una falena dalle vetrine,dalle luci,dalle decorazioni natalizie,dagli alberi di natale.Chissà se lo hanno già messo in piazza.
Annodo la sciarpa dietro alla nuca,ormai fa parte dello script "uscire".Infilo il cappello.Non mi piacciono i cappelli e di solito non mi interessa che i  capelli appena lavati si cotonino con l'umidità.E' una di quelle cose a cui non presto attenzione.
Ma ho deciso di fare cose che di solito non faccio,solo per oggi certo,solo per oggi.
Quindi comprerò il fondotinta che da mesi guardo da lontano e non avrò sensi di colpa per aver speso soldi in qualcosa di così materiale e vanesio.
Adocchio un latte per il corpo alla crema pasticcera.Di solito non avrei comprato neppure questo.Solitamente non uso nulla sulla mia pelle che non sia sapone di marsiglia(quello per i panni,senza nessun tipo di profumo)per via della mie allergie.
Chissenefrega,stavolta voglio proprio profumare di crema pasticcera.Punto.
Mi piace camminare.Non mi importa se comincia a piovere,se ho i pantaloni che toccano terra e presto si inzupperanno,non mi importa.Camminare mi fa pensare meglio se voglio pensare e leviga le ossessioni e le paure se non voglio pensare.
Ho bisogno di camminare a passi spediti.
Ancora i Cure nelle orecchie fino a quando reggeranno le batterie.Poco.
Ma neppure questo mi importa.
Non sento il freddo.Strano,credo di essere una delle persone più freddolose mai esistite.
Infilo i capelli sotto al cappello.Sai,sono troppe le cose che non capisco eppure mi sento serena.Non possiamo esserci persi in un bicchiere d'acqua…non dopo tutto quello che è stato provato,che è stato detto.
Ma se il sogno è stato infranto,se qualcosa si è spezzato per così poco forse ci siamo solo illusi.Illusi di aver trovato quello che cercavamo solo perchè entrambi abbiamo da sempre intrapreso questa ricerca.Non so dove sei,non so a cosa pensi.Non so cosa sta succedendo ne il perchè.
Forse pensi che è troppo complicato,che sono immatura,piccola…che ho bisogno di troppe rassicurazioni e che,in definitiva,non sono la persona che cerchi.
Forse pensi di non voler rinunciare a qualcosa;ai muri,ai tuoi spazi.Forse pensi che sia stato molto meglio interrompere1sogno piuttosto che la realtà o forse ancora il sogno era così bello che non volevi uscirne per passare ad1storia reale.Forse pensi di aver sbagliato tutto e forse ti chiedi come ti sia stato possibile provare qualcosa di così forte in una situazione così assurda.Forse non credi a quello che ti ho scritto di provare…
Anche se in questi giorni non ci siamo sentiti forse hai sentito che il sole scaldava comunque e che,infondo,non cambia così tanto la tua vita con o senza di me.
Forse non hai pensato niente di tutto questo o forse molto peggio.
Di aver perso tempo…mi chiedo cosa significa il tuo "a presto",non era un "a dopo" o un "a domani"…volevi dire a mai più?a mai più come prima?
giro la chiave nella toppa di casa.Non ho fame.
In due passi c'è tutto quello che non ho ancora capito.

DUE PASSIultima modifica: 2005-12-02T18:42:12+01:00da moonfairy@v
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “DUE PASSI

  1. Ah, Moon, che sorpresa ritrovarti così, col tuo cappotto rosso in giro per la città e far quadrare pensieri e sensazioni. Domande che vorrebbero risposte e non ce l’hanno e poi il freddo e le luci delle vetrine. Due passi finiscono presto, quasi come le illusioni, se di illusioni si tratta. Ma forse non è così, forse ” a presto” significa “a domani”. E domani, come tutti sanno, è un altro giorno.

  2. beh, si, lo avevo proprio capito…anche ioavrei voluto farlo, cerdo che sia davvero molto bello! senti, sempre se tiva, a me non costa niente, cerca uno sfondo sui siti che ne propongono diversi, uno che ti piace, se vuoi ti aiuto e magari riesco ad aiutarti ad avere uno sfondo colorato! se vuoi, sono a disposizione!

Lascia un commento