LA TUA CARNEFICE

SO CHE NON MI HAI CAPITO NE’ PERDONATO.
Pensi che sia così ma la rabbia che provi verso di me è troppa.
(tutta la delusione e la rabbia che hai dentro…è quì la colpevole,la carnefice del tuo cuore e dei tuoi sentimenti)
lo sento nelle tue parole taglienti come lame,che mi trapassano l’anima e che smorzano i battiti di un cuore che si sente indegno di questo nome.
Pensavo di essere una bella persona mentre dopo tutto quello che ho fatto dopo oggi,dopo tutto quello che mi hai detto,dopo tutte le parole gonfie di risentimento e delusione mi sento la persona peggiore al mondo,quella più indegna al mondo di amore.
E tu non sai cosa ha nel cuore questa crudele assassina del tuo amore,
tu non sai neppure se ha un cuore.
Tu non capisci con quale morte nel cuore ha lasciato partire il tuo treno senza correre per fermarti,quante lacrime ha pianto sul pulman,per strada,incurante ed estranea al mondo intorno che la guardava.
Perchè l’unica cosa che cercava e di cui aveva bisogno non c’era più.
Aveva preso il treno per Bologna dopo avergli riversato adosso tutto il male che si portava dentro.
Tutta colpa mia lo so,che mi aspettavo?mi rimbomba adosso l’innapellabilità della mia colpevolezza,il mio non potermi difendere.
Solo una carezza su un viso bagnato di lacrime che forse non credi vere,una carezza che ha aperto un varco e spezzato definitivamente il cuore.Una carezza che non capisco,perchè piena di tenerezza eppure distante e vuota.Una carezza che non è quella che avrei voluto sentire e che per questo mi ha fatto piangere ancora più forte.
Perchè tu non hai capito il mio disperato tentativo di difenderti da me,di comportarmi per una volta bene e nel modo giusto,anche se con l’immenso dolore di stare senza di te,almeno fino quando saprò amarti.
Tu non capisci che anche gli imperfetti e i traditori amano.
Forse in un modo perverso e malato ma a modo loro amano.E io ti amo.Ma non lo dirò più.
Cavaliere mio,che hai lasciato la tua spada conficcata nelle mie carni,io non voglio più sentirmi la persona più crudele che esista.Io non voglio più essere la persona che ti fà piangere.mai più.E se questo significherà abbandonare la tua strada lo farò.Neppure io ho più lacrime da versare e forza per lottare contro di me.Ma lo sto facendo,vedi?lo sto facendo!
Chiuderò gli occhi e cercherò di volermi bene(chissà quanto ci vorrà),di seguire la voce che ho dentro,perchè io lo so di avere ancora un cuore.Deve essere da qualche parte.
Per questo un treno è partito ed una fata ha perso le sua ali.
la tua carnefice

LA TUA CARNEFICEultima modifica: 2004-05-26T18:50:22+02:00da moonfairy@v
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “LA TUA CARNEFICE

  1. poichè oggi non riesco a entrare nel mio blog volevo precisare che non sono stata io a fare aprire il blog di Massimiliano frassi!comunque più gente lo visiterà più ne sarò contenta…quin di grazie!notte a tutti,spero di tornare presto a scrivere.Moon^_ ^

  2. Ti scrivero’ presto , so’ che il tuo dolore batte, e le ali si fanno pesanti di lacrime di cristallo e fuoco che attanaglia fino a desertificare il giardino rendendolo pozzo vuoto, cedendo alla sabbia il mare di verde trifoglio , sento lo spezzarsi delle corde e in questo urlo io, maledetto stupido, manco. Perche’, vedi moon, il tuo bardo corre ai cambi di stagione in giro per la preziosa Toscana per risvegliarsi per cercare di togliere la polvere dalle ali e creare nuove vie da cui ammirare l’ affresco. ma non dimentico la fatina dalla borsa blu, non dimentico i capelli di china e loto. A presto , per ora fai in modo che le nuvole di pezza possano proteggerti, per ora…

  3. Ti lascio un caro abbraccio moon, in questo mio piccolo ma sincero passaggio.Spero che i tuoi progetti scorrano al meglio.C’e’ sempre fin troppo da realizzare e sai che se posso esserti di aiuto sono qui.Una splendida serata a te piccola^_*Angel ika

Lascia un commento