ECCO PERCHè UN PAPAVERO PUO NASCERE SULL’ASFALTO

Anche oggi piove.Non apro l’ombrello;sentirei le gocce penetrarmi ugualmente,non basta una toppa per rappezzare questo squarcio nell’anima.Come un’equilibrista chiudo gli occhi. Li chiudo e apro le braccia,metto un piede dietro l’altro sull’argine del marciapiede,metafora di un abisso che vedo sempre più da vicino.ascoltando solo il mio respiro.Nient’altro.Come una ginnasta alle prime armi cado sulla trave,un rigagnolo di sangue mi esce dalla bocca.Manco fosse un pugno.Ma sono le mie ferite che mi trattengono a terra,più forti della forza di gravità,pesi incatenati a mani e piedi.Mi dico che non sempre il vento soffia come vorresti.Non sempre le cose buone vengono da te.Sono fioriti i papaveri sull’argine del fiume che ogni mattina percorro.Bellissimi.Sembrano nati da una goccia di sangue,il loro rosso è carne viva.mi chiedo se è possibile rialzarsi carica di tutti questi pesi.Me lo imporrò.Stupida fatina che ancora lotta contro la vita e per la vita armata solo di sè stessa.

ECCO PERCHè UN PAPAVERO PUO NASCERE SULL’ASFALTOultima modifica: 2004-05-05T14:37:03+02:00da moonfairy@v
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “ECCO PERCHè UN PAPAVERO PUO NASCERE SULL’ASFALTO

  1. dolce fatina di cioccolato, credi davvero che la tua anima sia solo vento di cenere, che quei polmoni si possano aprire cosi’ raramente da essere considerato un fatto raro e da inquadrettare in una cornice intarsiata. le lotte e le battaglie si susseguono e il rosso carminio perduto tra le dita , che stria il cuore fino a far sentire come lama tagli davvero solo quando il sangue ha cessato di uscire e sensazione a noi nota. Tuttavia dolce anima di gattino perduto continui a credere, a vivere e sorridere , a voler sentire tutta la tavolozza dei colori. Non risparmi il carminio e l’ arancione quando il fratello caldo scivola sulla tua pelle, ma non ritiri la mano davanti al blu cobalto perche’ sai che tutte le tonalita’ dovranno essere sentite, e il calice dovra’ essere svuotato. Labbra che sanno di tramonti di Gerusalemme, mischiate a raro incenso nero, troveranno chi sapra’ proteggerle a chi capira’ che l’ anima inchiodata a terra deve ogni tanto essere abbracciata in calda lana e seta docile, perche’ gli attacchi allergici verso lo scorrere delle lancette , possono diventare ogni tanto anafillatici frustaste che lasciano il segno sulla schiena. Sai dolce fatina il rosso carminio ti sta’ bene come colore perche’ non e’ sempre e solo stria di sangue e’ anche fuoco e calore di passione che illuminera’ la dolce luce d’ argento, e’ intensa voglia di vita di mani che si intrecciano e si tengono contro la carica della polizia, che arriva sempre dopo che la strada si riempie di lacrimogeni. So’ che con gli occhi forti non ti muoverai e ancora una volta potrai dire guardami sole non ti faccio invidia da come illumino, ma ora ti avvolgo in seta, e accendo il bruciaessenze in coccio in modo che l’ aria sappia di rosmarino. Chiudo le imposte e lascio cullare i sogni perduti dalla piccola fatina al cioccolato caldo. Ti faro’ un regalo qualcosa che possa farti capire cosa sento…ho una cara amica che vede le fate ed e’ sicura che questa sia la tua anima
    http://images3. deviantart.com/i /2004/11/1/2/no_ solid_ground.jpg
    se sbaglio puoi mordermi….

  2. Buon pomeriggio cara moon..Non ti ho piu letta e immagino che i tuoi impegni saranno sicuramente piu importanti:-)Sp ero che le cose procedano come tutti desideriamo..Sa ppi che sono sempre a disposizione per qualsiasi cosa..:-)Ti auguro un buon proseguimento di giornata con un forte abbraccio e un bacio^_^Angelik a

Lascia un commento