IL GERME DEL DOLORE

Eccomi.Di ritorno da un viaggio mentale,tra libri,francobolli e lettere scritte con piume di cigno.L’inchiostro è quasi finito,dovrà piovere ancora lacrime di nuvola per averne di nuovo.Accarezzo e cerco una cura per le persone che amo e soffro di mali che schiacciano la loro anima e le loro menti,troppo grandi se non li aiutassi a reggere il gravoso peso.”Test per la diagnosi della depressione”me lo hanno somministrato oggi insieme ai miei distratti compagni di facoltà…mentre io rimuginavo su questi mali e buchi neri dell’anima,così vicini da poterne sentire i singhiozzi.Oggi piove.Chissà a casa,chissà sui tuoi-vostri occhi.Cammino veloce e attraverso quasi l’intera città…infastidita dal rinnovato freddo e dalle gocce taglienti.Troppo facile camminare guardandosi i piedi…i miei occhi indagano e guardano le persone,forse troppo prese da altro per accorgersene.Disturbi del sonno(ok,ce li ho),disturbi alimentari(vicini,troppo vicini)disturbi d’ansia,di personalità,stress…schizofre nia,borderline,paranoici,ossess ivi-conpulsivi.Quanto male deve fare avere il germe di un dolore che solo tu puoi sentire,voci e fobie,attacchi di panico,le più svariate malattie mentali.Infondo ne hai di scelta Moon,ne hai.chi vuole diventare dottore dell’anima non puo dimenticarsi la sua.Il mio germe del dolore,seme di un fiore nero che affonda le sue radici nel cuore.

IL GERME DEL DOLOREultima modifica: 2004-03-23T15:12:21+01:00da moonfairy@v
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “IL GERME DEL DOLORE

  1. Pensare a quanto sia effimera e fragile la mente umana fa molto male….ci rende insicuri e ci fa dubitare di di tutto….anke di noi stessi….a volte passiamo attimi interminabili a fissare 1 punto nel vuoto a pensare a una miriade di cose e nn si viene a capo di nulla….forse è la nostra mente ke cerca di indagare se stessa(cortocir cuito??)e esclude il conscio….ma comunque sia l’obbiettivo è sempre lo stesso per tutti:VIVERE VIVERE VIVERE!!!!! Non si sa bene il motivo, ma è quello per cui siamo stati programmati(??! !), ed è quello ke ci permette di continuare a godere delle cose belle, come della primavera ke arriva dei gelati di pomeriggio dei vesti ke costano sempre troppo dei monenti passati a guardare la persona ke ami e a cui vuoi promettere il mondo e fai di tutto per starle vicino……..p er questo vivere è una gioia……ed è per questo ke io vivo, per gioire…….ci ao ciao. Sontxxx.

  2. Il cuore e’ docile terreno di coltura. Cio’ che ci si avvicina fiorisce e da’ frutto. Dovremmo accettare che a volte quei fiori siano distonici e cerchino con tutte le loro forze un sole accecante e caldo di cui , gia’ lo sai, esistono a volte solo tenui raggi. Eppure in questa corte dei miracoli dell’ anima non si annida lo specchio deformante, a volte si ritrova quello che perfettamente riflette in argento la nostra anima. Accetarlo o rompere lo specchio diventa gioco per Malkavi. La dolce fatina gioca sulla lama che fece impazziere il dolce principe di Danimarca, ma e’ li’ che lui trovo’ dove nasceva la verita’. Giochi di balconi ormai troppo vuoti, per ricordare le dolci parole degli innamorati e solo la luna e la cioccolata a rischiare il soffio della notte. Muove la vecchia signora dalle mani lunghe e adunche il pezzo. Ancora una volta dovremmo fuggire in un avventato arrocco, sperando nell’ alba. Sei alba Fatina, e come tutte le albe sei evoluzione che non accetta di rimanere fedele a se stessa. Mai in quella corsa accetterai di fermarti, mai. Devi accettarlo, dovranno accettarlo.

Lascia un commento