HEAVEN’S A LIE

E’ già ora.Alzi la tapparella lentamente…una bufera di neve ha investito questa grigia città.Latte con cioccolato equo e solidale,il pensiero di uscire ti schiaccia a terra.
Barcolli per la casa a piedi nudi,le unghie laccate di vernice nera,i capelli arruffati ti fanno sembrare una medusa,la camicia da notte con il coniglietto…Alice che segue ancora i suoi sogni nel paese delle meraviglie.(bel libro pensi,scritto da un pedofilo aggiungi)L’ennesimo libro criminologico che analizza il fenomeno della pedofilia sul comodino,la candela ancora fumante.Lo stereo acceso.HEAVEN’S A LIE.Lui nudo nel letto e ti chiedi come è possibile avere qualcosa di tanto bello tra le tue cose.
Lenzuola intrise di graffi e gemiti urlati che ancora risuonano per l’appartamento,le sue mani su di te,in un fuoco che brucia tutto ciò che incontra.Se il paradiso esiste è solo in questa stanza,con lui che apre i suoi occhi,aperture di cielo;pozzo nero in cui è facile cadere e scoprirsi irrimediabilmente perduti.Ma dove non hai più paura di camminare in punta di piedi,per non lasciare segni troppo profondi quando la tua anima si fonde con la sua.HEAVEN’S A LIE.Non quì,non adesso.Vorresti promettere ma sai che l’amore non ti vuole legare con parole fugaci di carta velina.E’ solo una la cosa che conta.Gli porti il caffè e lo svegli tra piccoli baci e dita tra i capelli.E per un attimo rivedi tua madre nella stessa posa e capisci la sua adorazione per tuo padre e quanto è profonda la tua per questo bassista che suona le corde dei tuoi pensieri e segreti più profondi,che con una mano tra i tuoi capelli ti fa sentire in paradiso.HEAVEN…..Moon

HEAVEN’S A LIEultima modifica: 2004-02-24T19:16:40+01:00da moonfairy@v
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “HEAVEN’S A LIE

  1. Dallo Stalag, alla casa delle foglie il percorso e’ lungo, sopratutto difficile. La Fatina si muove lenta, percorrendo dolcemente la stanza ancora immersa nel celeste abbandono. I capelli disciolti nelle mani del tenero amante si arruffano , gli occhi di fuoco e passione , diventano pesanti da tenere aperti, il calore del suo corpo completamente assorbito dalla pelle. Unico impetuoso profumo di due anime, che continuano ad illuminare la notte di note al vermiglio, dischiudendosi in sospiri e lenzuola che rimangono prigioniere dei pugni chiusi. Sai Lacuna e sopratutto Cristina scrivono ondate di sentimenti. Vado lentamente allo stereo , mentre la fatina guarda lo specchio, pensando alla corsa di Alice per rimanere li’. Esattamente li’, dove vorrebbe essere. Deve necessariemente correre. Prende un disco, con un sole Maya, al centro un ostensiere. Purify. Ora sembra davvero tutto in sintonia. Lascia che le sue labbra parlino alla via del cuore, lascia che le sue mani massaggino il cuore, perche’ solo quel calore riuscira’ a scaldarti tanto che il primo battito sembrera’ apertura in overture.

Lascia un commento